OdG Congresso Federazione della Sinistra di Alessandria: CONFLITTO SOCIALE ED ATTUALITA’ DEL COMUNISMO

Oggi come ieri ci troviamo di fronte al permanere del conflitto sociale e di classe creato dal sistema capitalistico, la crisi economica che stiamo vivendo è solo una delle tante sfaccettature di questo. Il capitale approfitta della crisi, che esso stesso ha creato, per realizzare nuovi profitti e per portare un attacco strategico ai diritti dei lavoratori, conquistati a prezzo di dure battaglie nei decenni scorsi.

Alla luce di questo è stato un passaggio fondamentale la manifestazione delle FIOM del 16 ottobre scorso, che ha visto per la prima volta tornare in maniera massiccia nelle piazze non solo gli operai, ma anche studenti e lavoratori dipendenti di tutti i settori (quello che potremo definire il moderno proletariato).

Questo momento deve essere letto come un primo passo verso uno Sciopero Generale politico contro il Governo e contro la Confindustria, insomma uno strumento per rilanciare il conflitto di classe nel nostro paese. Noi siamo differenti dagli altri soggetti della sinistra perché crediamo che non sia possibile realizzare una rappresentanza politica che tenga insieme padroni e lavoratori, noi crediamo che il conflitto sociale sia il nostro campo di azione privilegiato, tocca a noi inserirci nelle contraddizioni del capitalismo e proporre una alternativa di società, semplicemente più giusta.

Noi questa nuova società la chiamiamo Comunista.

Le flessioni nostalgiche che vedono nei vecchi indirizzi politici del passato la strada del domani, non ci appartengono, consci però degli insegnamenti di chi ci ha preceduti, il nostro compito rimane sempre quello ideale di “Rifondare” il comunismo.

Riduttivo sarebbe definire oggi il problema dei comunisti in Italia una semplice questione di unità fra partiti, il vero nodo della questione è quello della nostra capacità di produrre iniziativa politica e di sostenere ed inserirsi decisamente nel conflitto sociale e di classe che nel nostro paese è presente e vivo (Pomigliano, Terzigno, Scuola, Università, Terzo valico, No Tav per citarne solo alcuni).

La Federazione della Sinistra deve fare propria questa prospettiva e visione, impegnandosi fino da ora a lavorare per questi obbiettivi, ad esempio, collaborando attivamente nelle creazione di comitati 16 ottobre su tutto il territorio nazionale, curandosi e sostenendo di più tutte quelle situazioni di lotta nel paese e preoccupandosi meno di tornare ad occupare qualche posto nelle istituzioni, perché questo sarà naturale se saremo sempre presenti a fianco dei lavoratori e delle persone che lottano.

Per contrastare il pensiero unico della classe dominante e superare la logica del “vuoto utile”, scaturita dal sistema elettorale maggioritario, la sinistra comunista anticapitalista deve, quindi, ricollocare le proprie energie nel conflitto reale. Questo è l’unico modo per ricostruire un soggetto capace d’interpretare la lotta di classe e le battaglie per i diritti civili in atto nel Paese. Per questo motivo, è importante ribadire, in questa fase gestatoria, l’autonomia dei soggetti politici che vengono a comporre la FDS.

Firmatari: Massimo Lorusso, Cinzia Amoroso, Roberto Boeris, Pasquale Amadio, Alfonso Mattias, Giampiero Dorato, Vincenzo Santoro, Giovanna Marro, Stefanella Ravassi

Ordine del giorno approvato al Primo Congresso Provinciale della Federazione della Sinistra di Alessandria con 16 voti a favore, 32 Astenuti e nessun contrario.

 

OdG Congresso Federazione della Sinistra di Alessandria: CONFLITTO SOCIALE ED ATTUALITA’ DEL COMUNISMOultima modifica: 2010-11-07T14:59:00+00:00da palver82
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento